Un sistema IA supera l’esame di scienze di terza media

L’Allen Institute for Artificial Intelligence di Seattle ha realizzato un sistema IA, chiamato “Aristo”, che comprende il linguaggio e mima la logica degli esseri umani, perlomeno dei ragazzi che devono affrontare l’esame di scienze di terza media (eighth grade negli USA).

In precedenza molti sistemi IA avevano fallito il compito, ma recentemente Aristo (un’abbreviazione di Aristotele) ha passato il test rispondendo correttamente a oltre il 90% delle domande, come ad esempio questa:

Quale cambiamento causerebbe con molta probabilità un decremento nel numero di scoiattoli in una determinata area?

(1) un decremento nel numero di predatori

(2) un decremento nella competizione fra scoiattoli

(3) un incremento del cibo disponibile

(4) un incremento nel numero di incendi nelle foreste

È bene comunque non fraintendere il risultato. Questo non vuol dire che l’intelligenza artificiale abbia raggiunto il livello di comprensione e ragionamento di un tredicenne, ma solo che all’Allen Institute sono riusciti a creare un sistema che risponde correttamente ai test di scienza delle scuole medie.

Fra l’altro, dai test sono state rimosse le domande contenenti immagini e diagrammi, poiché il sistema non è equipaggiato con elementi di visione computerizzata e non riuscirebbe quindi a comprenderle.

Per approfondire: A Breakthrough for A.I. Technology: Passing an 8th-Grade Science Test

Sono partner e fondatore di SNGLR Holding AG, un gruppo svizzero specializzato in tecnologie esponenziali con sedi in Europa, USA e UAE, dove curo i programmi inerenti l'intelligenza artificiale. Dopo la laurea in Management ho conseguito una specializzazione in Business Analytics a Wharton, una certificazione Artificial Intelligence Professional da IBM e una sul machine learning da Google Cloud. Sono socio fondatore del chapter italiano di Internet Society, membro dell’Associazione Italiana esperti in Infrastrutture Critiche (AIIC), della Association for the Advancement of Artificial Intelligence (AAAI), della Association for Computing Machinery (ACM) e dell’Associazione Italiana per l’Intelligenza Artificiale (AIxIA). Dal 2002 al 2005 ho servito il Governo Italiano come advisor del Ministro delle Comunicazioni sui temi di cyber security. Oggi partecipo ai lavori della European AI Alliance della Commissione Europea e a workshop tematici della European Defence Agency e del Joint Research Centre. Questo blog è personale.