Stabilità geopolitica, crescita inclusiva e sicurezza energetica sono al centro del Meeting speciale del World Economic Forum a Riyadh

Riyadh–(BUSINESS WIRE)–Riyadh ha convocato leader mondiali al Meeting speciale del World Economic Forum, dedicato alla collaborazione globale, la crescita e l’energia per lo sviluppo, per dialogare e delineare passi netti al fine di affrontare le sfide geopolitiche, sociali ed economiche più urgenti.


Durante il Meeting speciale, Sua Altezza Reale il Principe Abdulaziz bin Salman Al Saud, Ministro dell’Energia dell’Arabia Saudita, ha dichiarato che una transizione energetica appropriata ed equa sarà raggiunta solo utilizzando una serie di fonti energetiche per diversificare il mercato globale dell’energia. Ha inoltre aggiunto che l’accesso a un’energia sicura e affidabile è fondamentale per consentire alle persone e alle comunità dei Paesi emergenti di raggiungere uno sviluppo economico significativo.

Nella sessione intitolata “Da nord a sud, da est a ovest: ricostruire la fiducia”, Sua Altezza il Principe Faisal bin Farhan Al Saud, Ministro degli Affari Esteri dell’Arabia Saudita, ha guidato una discussione su come affrontare le sfide cruciali attraverso la cooperazione e ha parlato della necessità di risolvere il problema della crisi umanitaria a Gaza attraverso “un impegno reale per una soluzione dei due Stati, che rappresenta un percorso credibile e irreversibile verso uno Stato palestinese”.

Durante il primo WEF Open Forum ospitato fuori da Davos, Sua Altezza Reale la Principessa Reema Bandar Al Saud, ambasciatrice dell’Arabia Saudita negli Stati Uniti, ha parlato del risveglio culturale nel Regno: “In questo momento, quello che state vedendo è il rinascimento di questo Paese che si innamora della propria eredità.”

Riflettendo sui progressi di Saudi Vision 2030, Sua Eccellenza Adel Aljubeir, Ministro aggiunto degli Affari esteri dell’Arabia Saudita, ha dichiarato: “Vogliamo costruire un Paese diversificato, inclusivo, basato sulla tecnologia, che competa nel mondo e che faccia parte del sistema commerciale globale”.

All’inizio del primo giorno del Meeting speciale, il Ministro delle Finanze dell’Arabia Saudita, Sua Eccellenza Mohammed Aljadaan, ha dichiarato che per la pianificazione a lungo termine, i Paesi devono essere flessibili ad affrontare le sfide economiche apportando regolazioni a seconda delle circostanze.

Allo stesso tempo, Sua Eccellenza Abdullah Alswaha, Ministro delle Comunicazioni e dell’Informazione dell’Arabia Saudita, ha spiegato il collegamento tra intelligenza artificiale e crescita economica, dichiarando che “non siamo a un punto di non ritorno, ma piuttosto a un punto di svolta per l’umanità”, sottolineando come l’Arabia Saudita stia raddoppiando i suoi sforzi nella diffusione dell’intelligenza artificiale in più settori.

Sua Eccellenza Ahmed Al-Khateeb, Ministro del Turismo dell’Arabia Saudita, ha dichiarato inoltre che “in soli cinque anni, il settore del turismo dell’Arabia Saudita è quasi raddoppiato, passando da 35 miliardi di dollari a 66 miliardi di dollari, e si prevede che quest’anno raggiungerà gli 80 miliardi di dollari”.

Nel dare il benvenuto ai delegati all’evento di due giorni, Sua Eccellenza Faisal Alibrahim, Ministro dell’Economia e della Pianificazione dell’Arabia Saudita, ha accolto i leader mondiale nella “piattaforma di crescita globale” rappresentata dall’Arabia Saudita grazie alla Saudi Vision 2030, e ha sottolineato l’importanza di costruire un’economia globale più inclusiva “dove ogni Paese ha l’opportunità di prosperare, indipendentemente dalla sua ricchezza o stato attuale”.

Source: AETOSWire

Contacts

Wooud Alquaied

walquaied@mep.gov.sa