Spiegata l’AI dietro la funzione “Persone che potresti conoscere” di LinkedIn

Se vi interessa capire come funzionano i sistemi di raccomandazione, consiglio la lettura di questo post sul blog di LinkedIn, dove viene descritta la funzionalità “Persone che potresti conoscere” (People You May Know, o PYMK).

Il testo descrive le caratteristiche della funzione, gli aspetti poco noti (il 5% delle proposte è completamente casuale e serve per continuare ad addestrare il modello) e offre spunti sugli sviluppi futuri, come ad esempio rendere l’algoritmo più utile anche per quegli utenti che visitano il sito poco frequentemente (e che quindi ricevono raccomandazioni meno efficaci).

Per approfondire: Building a heterogeneous social network recommendation system

Sono Head of Artificial Intelligence di SNGLR Holding AG, un gruppo svizzero specializzato in tecnologie esponenziali con sedi in Europa, USA e UAE, dove curo i programmi inerenti all'intelligenza artificiale. Dopo la laurea in Management ho conseguito una specializzazione in Business Analytics a Wharton, una certificazione Artificial Intelligence Professional da IBM e una sul machine learning da Google Cloud. Ho trascorso la maggior parte della carriera – trent'anni - nel settore della cybersecurity, dove fra le altre cose sono stato consigliere del Ministro delle Comunicazioni e consulente di Telespazio (gruppo Leonardo). Oggi mi occupo prevalentemente di intelligenza artificiale, con consulenze sull'AI presso aziende private e per la Commissione Europea, dove collaboro con la European Defence Agency e il Joint Research Centre. Questo blog è personale.