Rilasciato Apex.OS, il sistema operativo open source per la guida autonoma

Driverless

La startup californiana Apex.AI ha annunciato la disponibilità di Apex.OS 1.0, un framework open source – basato su Robot Operating System (ROS) 2 – che ha l’obiettivo di facilitare lo sviluppo di software e sistemi per auto a guida autonoma.

Di norma il ROS si fa carico di tutti quei compiti che sono alla base del funzionamento di un sistema robotizzato, come il networking, la registrazione dei dati, i log, la gestione della memoria, ecc. Un sistema operativo che libera gli sviluppatori dai compiti di basso livello, offrendo una piattaforma su cui basare il proprio codice.

Apex.OS è in pratica un ROS per le auto a guida autonoma, estendendo lo standard anche a questo settore. Apex.AI lo ha realizzato in C++, indipendente dalle applicazioni che vi gireranno sopra, senza algoritmi o funzionalità specifiche di robotica o di guida autonoma. Quelle andranno aggiunte dalle aziende che useranno il framework per costruire i propri sistemi diverless.

Apex.AI ha fra i suoi investitori Toyota AI Ventures, Airbus Ventures, Volvo Group Venture Capital, HELLA Ventures e Jaguar Land Rover InMotion Ventures.

Per approfondire: Apex.OS: An Open Source Operating System for Autonomous Cars

Sono Head of Artificial Intelligence di SNGLR Holding AG, un gruppo svizzero specializzato in tecnologie esponenziali con sedi in Europa, USA e UAE, dove curo i programmi inerenti all'intelligenza artificiale. Dopo la laurea in Management ho conseguito una specializzazione in Business Analytics a Wharton, una certificazione Artificial Intelligence Professional da IBM e una sul machine learning da Google Cloud. Ho trascorso la maggior parte della carriera – trent'anni - nel settore della cybersecurity, dove fra le altre cose sono stato consigliere del Ministro delle Comunicazioni e consulente di Telespazio (gruppo Leonardo). Oggi mi occupo prevalentemente di intelligenza artificiale, con consulenze sull'AI presso aziende private e per la Commissione Europea, dove collaboro con la European Defence Agency e il Joint Research Centre. Questo blog è personale.