Pronto il sito per favorire l’apertura dell’I3A a Torino

I proponenti di Torino come sede del futuro Istituto Italiano per l’Intelligenza Artificiale (I3A) hanno pubblicato un sito preparatorio, con una timeline degli eventi finora realizzati e una bozza di struttura, oltre che con una proposta di governance che si ispira a quella dell’Istituto Italiano di Tecnologia.

Chi mi legge da tempo sa come la penso: l’I3A è una grande occasione per l’Italia. Dovrà essere un istituto indipendente dalla politica, con un approccio inter-disciplinare e che attiri le menti migliori, anche perché l’Europa sta a guardare e non ci possiamo permettere indecenze.

Per accedere al sito: Torino.ai.

Sono partner e fondatore di SNGLR Holding AG, un gruppo svizzero specializzato in tecnologie esponenziali con sedi in Europa, USA e UAE, dove curo i programmi inerenti l'intelligenza artificiale. Dopo la laurea in Management ho conseguito una specializzazione in Business Analytics a Wharton, una certificazione Artificial Intelligence Professional da IBM e una sul machine learning da Google Cloud. Sono socio fondatore del chapter italiano di Internet Society, membro dell’Associazione Italiana esperti in Infrastrutture Critiche (AIIC), della Association for the Advancement of Artificial Intelligence (AAAI), della Association for Computing Machinery (ACM) e dell’Associazione Italiana per l’Intelligenza Artificiale (AIxIA). Dal 2002 al 2005 ho servito il Governo Italiano come advisor del Ministro delle Comunicazioni sui temi di cyber security. Oggi partecipo ai lavori della European AI Alliance della Commissione Europea e a workshop tematici della European Defence Agency e del Joint Research Centre. Questo blog è personale.