Nel trading finanziario i robo-analisti migliori degli analisti umani

Borsa

Uno studio della Indiana University ha analizzato 76.568 indicazioni emesse da sette diverse società di robo-analisti tra il 2003 e il 2018. I risultati dimostrano che i portafogli basati sulle raccomandazioni dell’intelligenza artificiale hanno performato meglio di quelli gestiti da analisti umani.

I ricercatori hanno inoltre scoperto che i robo-analisti producono collettivamente una distribuzione più equilibrata delle raccomandazioni di acquisto, hold e vendita rispetto agli analisti umani e per le loro analisi hanno meno probabilità di servirsi dei rapporti periodici sugli utili delle società. Una delle fonti di informazioni infatti è l’ampia mole di dati rilasciata dalle aziende nelle relazioni annuali, cosa che in genere gli analisti umani tendono a considerare solo superficialmente.

Lo studio però ha constatato che nelle raccomandazioni di vendita non vi è prova della superiorità dei robo-analisti rispetto alle indicazioni degli analisti umani. Inoltre, resta come al solito la diffidenza verso ciò che non è umano: gli investitori non sembrano prendere in seria considerazione le indicazioni fornite dai sistemi automatizzati per le loro operazioni di trading.

Per approfondire: Robot Analysts Outwit Humans on Investment Picks, Study Shows

Mi sono appassionato all'intelligenza artificiale da quando ho potuto vedere all'opera i primi sistemi esperti negli anni '80. Già dal 1989 mi occupavo di cybersecurity (analizzando i primi virus informatici) ma non ho mai smesso di seguire gli sviluppi dell'AI. Dopo la laurea in Management ho conseguito una specializzazione in Business Analytics a Wharton, una certificazione Artificial Intelligence Professional da IBM e una sul machine learning da Google Cloud. Sono socio fondatore del chapter italiano di Internet Society, membro dell’Associazione Italiana esperti in Infrastrutture Critiche (AIIC), della Association for the Advancement of Artificial Intelligence (AAAI) e dell’Associazione Italiana per l’Intelligenza Artificiale (AIxIA). Dal 2002 al 2005 ho servito il Governo Italiano come advisor del Ministro delle Comunicazioni sui temi di cyber security. Oggi partecipo ai lavori della European AI Alliance della Commissione Europea e a workshop tematici della European Defence Agency e del Joint Research Centre. Questo blog è personale.