L’AI Act godrà di una procedura parlamentare accelerata

Parlamento europeo

Il Parlamento europeo voterà il regolamento sull’intelligenza artificiale (AI Act) con una procedura di adozione parlamentare accelerata. I deputati voteranno inizialmente il 13 marzo (qui l’agenda) su un testo provvisorio disponibile solo in inglese.

Potranno inoltre presentare emendamenti a questo testo fino al 6 marzo. Tuttavia, l’accordo non può essere considerato adottato finché non è stato approvato dagli esperti legali e linguistici, motivo per cui il Regolamento del Parlamento (articolo 241) prevede la possibilità di emendamenti.

La versione finale del regolamento sull’AI sarà annunciata durante la sessione plenaria del 22 aprile. L’accordo sarà quindi considerato approvato “a meno che, entro 24 ore dall’annuncio, un gruppo politico o un numero di deputati pari almeno alla soglia bassa (un ventesimo dei deputati o un gruppo politico, ndr) non chiedano che sia messa ai voti“, come recita il già citato articolo 241 del Regolamento del Parlamento.

Mi occupo da molti anni di intelligenza artificiale. Dopo la laurea in Management ho conseguito una specializzazione in Business Analytics a Wharton, una certificazione Artificial Intelligence Professional da IBM e una sul machine learning da Google Cloud. Ho trascorso la maggior parte della carriera – trent'anni - nel settore della cybersecurity, dove fra le altre cose sono stato consigliere del Ministro delle Comunicazioni e consulente di Telespazio (gruppo Leonardo). Oggi mi occupo prevalentemente di intelligenza artificiale, lavorando con un'azienda leader del settore e partecipando a iniziative della Commissione Europea. Questo blog è personale e le opinioni espresse appartengono ai singoli autori.