In Australia computer vision per velocizzare le evacuazioni degli edifici

L’Università di Wollongong, a sud di Sidney in Australia, sta sperimentando la visione artificiale e le reti neurali per velocizzare le procedure di evacuazione di un edificio in caso di emergenza.

Il sistema – controllando i filmati a circuito chiuso – dovrà riconoscere le persone, distinguendole fra occupanti e personale di emergenza, arrivando a identificare quelle con difficoltà di deambulazione per poi segnalarle tempestivamente ai soccorritori.

Nel caso i test abbiano esito soddisfacente, l’azienda che collabora con l’università ha intenzione di vendere il software a ospedali e case di cura, luoghi dove il tasso di persone con difficoltà a muoversi è più elevato.

Per approfondire: Firefighters turn to AI for faster evacuations

Mi sono appassionato all'intelligenza artificiale da quando ho potuto vedere all'opera i primi sistemi esperti negli anni '80. Già dal 1989 mi occupavo di cybersecurity (analizzando i primi virus informatici) ma non ho mai smesso di seguire gli sviluppi dell'AI. Dopo la laurea in Management ho conseguito una specializzazione in Business Analytics a Wharton, una certificazione Artificial Intelligence Professional da IBM e una sul machine learning da Google Cloud. Sono socio fondatore del chapter italiano di Internet Society, membro dell’Associazione Italiana esperti in Infrastrutture Critiche (AIIC), della Association for the Advancement of Artificial Intelligence (AAAI) e dell’Associazione Italiana per l’Intelligenza Artificiale (AIxIA). Dal 2002 al 2005 ho servito il Governo Italiano come advisor del Ministro delle Comunicazioni sui temi di cyber security. Oggi partecipo ai lavori della European AI Alliance della Commissione Europea e a workshop tematici della European Defence Agency e del Joint Research Centre. Questo blog è personale.