Guida autonoma: negli USA non passa la deregulation

Auto a guida autonoma Volvo con Luminar

Negli Stati Uniti sono in corso tentativi di deregulation a favore delle aziende di guida autonoma, rappresentate dalla Self-Driving Coalition che include Ford, Uber, Waymo, Volvo e altri produttori. Tentativi finora caduti nel vuoto.

Ultimo in ordine di tempo quello del senatore repubblicano John Thune, che a una legge sui trasporti da 78 miliardi di dollari ha provato ad allegare una proposta che avrebbe rilassato le regole per i veicoli a guida autonoma, proposta però respinta dal Comitato del Commercio del Senato, a guida democratica.

La proposta di Thune avrebbe concesso alla U.S. National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA) il potere di concedere esenzioni per i veicoli a guida autonoma, sollevandoli dal seguire standard di sicurezza originariamente pensati per le auto con conducenti umani.

Curiosamente, fra le motivazioni che hanno spinto il comitato a non abbassare la guardia vi sono i guai e i recenti incidenti causati dall’autopilot delle Tesla, azienda dalla quale però proprio la Self-Driving Coalition si è distanziata duramente in un comunicato.

Per approfondire: U.S. push for self-driving cars faces union, lawyers opposition

Sono partner e fondatore di SNGLR Holding AG, un gruppo svizzero specializzato in tecnologie esponenziali con sedi in Europa, USA e UAE, dove curo i programmi inerenti l'intelligenza artificiale. Dopo la laurea in Management ho conseguito una specializzazione in Business Analytics a Wharton, una certificazione Artificial Intelligence Professional da IBM e una sul machine learning da Google Cloud. Sono socio fondatore del chapter italiano di Internet Society, membro dell’Associazione Italiana esperti in Infrastrutture Critiche (AIIC), della Association for the Advancement of Artificial Intelligence (AAAI), della Association for Computing Machinery (ACM) e dell’Associazione Italiana per l’Intelligenza Artificiale (AIxIA). Dal 2002 al 2005 ho servito il Governo Italiano come advisor del Ministro delle Comunicazioni sui temi di cyber security. Oggi partecipo ai lavori della European AI Alliance della Commissione Europea e a workshop tematici della European Defence Agency e del Joint Research Centre. Questo blog è personale.