Disponibile il testo aggiornato dell’AI Act

Parlamento europeo

I gruppi di lavoro hanno tenuto la riunione tecnica finale venerdì 19 gennaio, sei settimane dopo aver raggiunto un accordo nel trilogo e poco meno di tre anni dopo la presentazione del testo iniziale da parte della Commissione.

Il documento è stato poi condiviso con le delegazioni degli Stati membri nella prima mattinata di lunedì 22 gennaio, in vista dello scambio di opinioni che si terrà nel gruppo di lavoro del 24 gennaio e del successivo voto del Comitato dei Rappresentanti Permanenti del 2 febbraio.

La versione aggiornata del documento solleva il velo sulle ultime aree di incertezza, in particolare il calendario di attuazione e le esenzioni per i modelli open source. Sul primo punto, la Commissione avrà nove mesi di tempo per elaborare i codici di condotta mentre le disposizioni per i modelli AI generici si applicheranno dopo dodici mesi. Per quanto riguarda il secondo punto, il regolamento non si applicherà ai sistemi AI open source per uso generale, a meno che non rientrino in una delle pratiche vietate individuate dal regolamento o facciano uso di deepfake.

Anche i modelli open source beneficeranno di un’esenzione, a meno che non vengano commercializzati o presentino rischi sistemici. Dovranno comunque rispettare le disposizioni in materia di copyright.

Luca Bertuzzi di Euractiv ha inizialmente pubblicato il testo su quattro colonne con le varie modifiche, disponibile qui.

Una versione più leggibile, contenente solo il testo finale, è disponibile qui.