Da Google un sistema per prevedere il vostro prossimo clic

Smartphone

Due ricercatori di Google, Xin Zhou e Yang Li, hanno pubblicato una ricerca su un modello di deep learning in grado di prevedere dove un utente farà clic su una pagina web da un dispositivo mobile. Ciò è possibile grazie a una migliore comprensione del comportamento degli utenti basandosi sul pattern di clic del singolo utente, sul layout dello schermo e su informazioni contestuali come ad esempio l’ora della giornata. Tutti questi dati, 20 milioni di clic da oltre 4.000 utenti, sono stati forniti volontariamente attraverso una procedura di opt-in.

Il sistema è in grado di prevedere il prossimo clic con il 48% di accuratezza (top1) e nel 71% dei casi la previsione rientra nelle prime 3 (top3), sorpassando di gran lunga l’attuale stato dell’arte. Scopo della ricerca è studiare interfacce utente più intuitive per le app.

La ricerca si trova qui: Large-Scale Modeling of Mobile User Click Behaviors Using Deep Learning

Sono partner e fondatore di SNGLR Holding AG, un gruppo svizzero specializzato in tecnologie esponenziali con sedi in Europa, USA e UAE, dove curo i programmi inerenti l'intelligenza artificiale. Dopo la laurea in Management ho conseguito una specializzazione in Business Analytics a Wharton, una certificazione Artificial Intelligence Professional da IBM e una sul machine learning da Google Cloud. Sono socio fondatore del chapter italiano di Internet Society, membro dell’Associazione Italiana esperti in Infrastrutture Critiche (AIIC), della Association for the Advancement of Artificial Intelligence (AAAI), della Association for Computing Machinery (ACM) e dell’Associazione Italiana per l’Intelligenza Artificiale (AIxIA). Dal 2002 al 2005 ho servito il Governo Italiano come advisor del Ministro delle Comunicazioni sui temi di cyber security. Oggi partecipo ai lavori della European AI Alliance della Commissione Europea e a workshop tematici della European Defence Agency e del Joint Research Centre. Questo blog è personale.