Con laser e deep learning è possibile vedere dietro gli angoli

Schema di come funziona il sistema realizzato dai ricercatori
Schema di come funziona il sistema realizzato dai ricercatori

Ricercatori delle università di Princeton, Stanford, Rice e Southern Methodist hanno realizzato un sistema che riesce a vedere dietro i muri. La tecnologia usa dei laser simili a quelli dei puntatori, che rimbalzando prima dal muro all’oggetto nascosto e quindi nuovamente sul muro creano un’interferenza nota anche come speckle.

Dopodiché grazie a un algoritmo di deep learning è possibile individuare dallo speckle la forma dell’oggetto nascosto. Con questo metodo i ricercatori sono stati in grado di leggere numeri e lettere originariamente nascosti dietro un angolo e non visibili in linea retta.

Non è il primo progetto che ha l’obiettivo di scoprire oggetti nascosti grazie al laser, ma questa ricerca si spinge oltre in termini risoluzione e velocità: con un tempo di esposizione di un quarto di secondo si riesce a ottenere una risoluzione di 300 micron. Con questo metodo sarebbe possibile leggere in tempo reale la targa di un’auto in movimento, o il badge di una persona mentre cammina, anche se nascosti dall’angolo visivo.

La ricerca è stata finanziata da DARPA, l’agenzia del Pentagono che si occupa di progetti e tecnologie innovative, ed è disponibile qui.

Per maggiori informazioni: Cameras see around corners in real time with deep learning

Sono Head of Artificial Intelligence di SNGLR Holding AG, un gruppo svizzero specializzato in tecnologie esponenziali con sedi in Europa, USA e UAE, dove curo i programmi inerenti all'intelligenza artificiale. Dopo la laurea in Management ho conseguito una specializzazione in Business Analytics a Wharton, una certificazione Artificial Intelligence Professional da IBM e una sul machine learning da Google Cloud. Ho trascorso la maggior parte della carriera – trent'anni - nel settore della cybersecurity, dove fra le altre cose sono stato consigliere del Ministro delle Comunicazioni e consulente di Telespazio (gruppo Leonardo). Oggi mi occupo prevalentemente di intelligenza artificiale, con consulenze sull'AI presso aziende private e per la Commissione Europea, dove collaboro con la European Defence Agency e il Joint Research Centre. Questo blog è personale.